Elena Bisoglio Art story

Posted by on / 0 Comments

In una giornata di vento non avete mai immaginato di aprire le braccia e poter volare? Dove? Non importa.
Chiudi gli occhi e ascolti in silenzio l’unica voce, quella del vento. Il peso della gravità viene meno e per un attimo ci credi, davvero, di poter volare.
Quello che accade è magico e non lo capisci subito cosa è o meglio cosa non è: non è il rumore delle cose, non sono più i colori del mondo a riempire lo spazio che libero si offre al tuo spirito per volare.

Nei quadri di Elena ascolto il racconto di un volo, di chi sa vedere l’invisibile e che invece di guardare avanti verso l’orizzonte, alza la testa per perderlo.

Silentium
“Il suono della natura è il più bello di tutti, ma ancora di più lo è quello del silenzio. … ammirando il silenzio ritroviamo noi stessi, rimanendo sospesi tra sogno e realtà.”

Signum Animae
“L’uomo si trova in una condizione intermedia: si è staccato dalla Terra, differenziandosi, ma non è ancora giunto al Cielo, al divino. I molteplici frammenti dell’animo umano sono parte di un’unica identità, volta a lasciare un segno su questa Terra prima di giungere al Cielo.”

Aura Spei
“I primi saggi che hanno cercato la causa delle cause, hanno visto il bene e il male nel mondo; hanno osservato l’ombra e la luce, paragonato l’inverno alla primavera, la vecchiaia alla giovinezza, la vita alla morte. Ma la bontà suprema li domina entrambi e fa si che il male porti al trionfo del bene e il bene ripari tutto il male.”

Speculum Animae
“Lo specchio riflette tutto ciò che rientra nel suo “campo visivo” in modo spontaneo, involontario, passivo, impenetrabile, impalpabile e silenzioso, correlando l’immagine speculare al sogno, alle visioni, a mondi ultraterreni. Scorgiamo la rappresentazione ma non possiamo toccarla, come se fossimo innanzi ad una visione ingannevole e menzognera: il riflesso è identico all’originale e allo stesso tempo ne differisce ricordando in tal modo il paradosso dell’identità, contraddizione tra apparenza ed essenza.”

De Caelo In Terram
“Il male e la sofferenza sono un’esperienza universale. Gli esseri umani non sono semplicemente alla ricerca di una spiegazione della loro condizione, ma aspettano o si augurano una effettiva liberazione dal male.
La luce astrale rappresenta la malizia e la prudenza, il tempo e l’eternità, il tentatore e il redentore. La luce astrale è realizzazione o forma della luce intellettuale, come questa è realizzazione o forma della luce divina.
La redenzione è la sola realtà sufficientemente forte da venire incontro al vero bisogno umano ed è la sola realtà sufficientemente profonda da far emergere quella scintilla del divino racchiusa nella nostra anima.”

© All images are property of the artist and can’t be reproduced without consent.