Lorenzo Guzzini Art story

Posted by on / 0 Comments

Atmosfere. L’arte di Lorenzo crea spazi di assenza, in cui la luce scorre fluida. Le semplici geometrie lineari sono il sigillo della razionalità a cui la mente si tiene, lasciando lo spirito libero di perdersi in quello spazio multi-dimensionale che ora è fuori e ora è dentro di noi. Un opera da vedere certo ma anche da esplorare ad occhi chiusi, muovendo le mani a leggere lo spazio e la materia, secondo lo stesso percorso che ha portato l’artista a creare l’opera.

La misura è alla base di tutta la nostra razionalità, applicandola là dove ha un senso e a volte là dove non lo ha. Barra n 27 é un opera che la sublima, facendo ricorsivamente della misura dello spazio, la misura dell’artista e dell’opera stessa. Due gli elementi dell’opera: cubi di metallo numerati e una regola semplice secondo cui disporli, ovvero equidistanti a formare una figura geometrica definita che possa misurare lo spazio nelle due dimensioni. Si compone così un’opera a quattro mani tra l’artista e il collezionista. Un’opera distribuita che può essere ricomposta in uno spazio più grande riunendo in una unica mostra le diverse parti.

Terremoto: una rete di mattonelle di cemento legate tra loro: connesse. Una coperta pesante che schiaccia quando nel sonno arriva il boato ed il luogo che più sentiamo sicuro, la casa, il letto, diventa il peggiore degli incubi ad occhi aperti. Trema la terra, tremano l’albero e la casa, tremano le nostre sicurezze, le paure stesse tremano, scosse da un onda che si propaga lungo i legami delle cose. Lorenzo ne coglie l’essenza geometrica, definendo una superficie che lo spettatore può modellare fino a farla corrispondere al proprio sentire.

La bellezza sta nella semplicità più che in ogni altra cosa, Lorenzo sa coglierla e farcela vivere.

Riferimenti: www.lorenzoguzziniarchitecture.com

© All images are property of the artist and can’t be reproduced without consent.